Friday 06th December 2019,
IL DESTRO // Idee che ti mettono al tappeto

La politica si gioca quel che resta di stipendi e pensioni

La politica si gioca quel che resta di stipendi e pensioni

di Fiorenzo Dorigo – Oggi, in commissione Bilancio del Senato, è avvenuto l’ennesima vittoria delle lobby italiana dei giochi d’azzardo che controlla questo enorme giro d’affari. Non esistono parole adeguate nel descrivere quanto è triste vedere l’irresponsabilià della politica che, fregandosene del danno sociale che queste norme legislative porteranno, con questo provvedimento si permetterà di aprire mille nuove sale da gioco su tutto il territori nazionale, con la conseguenza che la popolazione avrà più possibilità d’indebitarsi e perdere le ormai poche risorse economiche che possiede.

Nelle scorse settimane si sono mobilitate molte associazioni, come: ACLI, ADUSBEF, ALEA, ANCI, ANTEAS, ARCI, AUSER, Avviso Pubblico, CGIL, CISL, CNCA, CONAGGA, Federconsumatori, FeDerSerD, FICT, FITEL, Fondazione PIME, Gruppo Abele, InterCear, Libera, UISP; ma niente da fare, ha vinto il documento fatto ad hoc che è stato presentato dal PdL, spostando l’ago della bilancia a favore delle potenti lobby.

Il gioco d’azzardo patologico nel nostro Paese è un vero cancro a cui si deve porre immediatamente fine, ne va della salute degli italiani. I pensionati si giocano fino all’ultimo euro la loro pensione, le casalinghe tentano la fortuna pesando ancora di più sugli ormai poveri bilanci famigliari ma, peggio ancora, sono esposti a questo pericolo i minorenni che con la loro destrezza ad usare la tecnologia sono in aumento giorno dopo giorno.

In Italia esistono già quattro casinò, trasparenti nella gestione e nella correttezza dei giochi, che garantiscono un controllo serio sul gioco patologico. Anch’essi sono messi in pericolo da questa proliferazione di sale da gioco. Queste strutture assomigliano a veri e propri mini casinò, ma con scarsi controlli e l’impossibilità di verificare la regolarità dell’attività data dal numero delle sale, sono esposti alla possibilità di infiltrazioni pericolose.

Inoltre, bisognerà attendere altri sei mesi per vedere una normativa sulla pubblicità del gioco d’azzardo, quindi il bombardamento di spot pubblicitari che istigano al gioco, continueranno senza controllo. Colpisce anche la denuncia del ministro Balduzzi con la frase  “la politica è sottomessa alle lobby più potenti”, quindi è chiaro che questa ennesima forma di opportunismo politico dell’ultima ora, fa solamente gl’interessi di pochi e non della collettività, come invece dovrebbe.

Like this Article? Share it!

About The Author

1 Comment

  1. emy 8 Febbraio 2013 at 13:19

    perfettamente d’accordo. Una notizia così dovrebbe essere divulgata a caratteri cubitali dai giornali!!!

Leave A Response

You must be logged in to post a comment.