Wednesday 30th September 2020,
IL DESTRO // Idee che ti mettono al tappeto

Usa, nonostante Obama ad Harvard prevedono una crescita lenta. Intervista al Prof. Kenneth Rogoff

Usa, nonostante Obama ad Harvard prevedono una crescita lenta. Intervista al Prof. Kenneth Rogoff

di Collen Walsh – Kenneth Rogoff,  Professore di Politiche Pubbliche e di economia, è una delle principali autorità di finanza internazionale, macroeconomia ed economia politica. Ha servito, come capo economista e direttore della ricerca, il Fondo monetario internazionale nel periodo 2001-2003.  In un botta e risposta con Colleen Walsh, giornalista della Gazzetta di Harvard, Rogoff ha parlato delle prospettive economiche per gli Stati Uniti in seguito alla recente rielezione di Barak Obama.

Dove vede il paese tra due anni?

La buona notizia è che il candidato che ha vinto [Barack Obama] da grosse garanzie sulla qualità, perchè tenta di ridurre le disuguaglianze. Un enorme problema sociale, politico ed economico del paese. La cattiva notizia è che il presidente Obama non ha mai articolato un chiaro piano per la crescita. L’economia è in stasi, ed è probabile che lo rimanga ancora per molto. Quello che sappiamo è che l’Obamacare sta arrivando, iniziativa certamente lodevole, ma anche un grosso peso sulla crescita. Anche se, nel lungo periodo andrà incontro all’interesse sociale, nel breve termine sarà una riforma difficile da digerire. Quindi penso che ora la sfida sia quella di trovare un modo per cercare di raggiungere una solida crescita. Purtroppo, in base alla mia opera con Carmen Reinhart [Professore del sistema finanziario internazionale presso la Harvard Kennedy School], devo immaginare che sarà molto difficile scovare una veloce via d’uscita. Uno dei problemi è la grande entità del debito privato, del debito pubblico, e di quello estero. Debiti di questa portata di solito richiedono un decennio o più per rientrare anche se, forse, con le migliori politiche e un sacco di fortuna, potrebbero volerci solo quattro o cinque anni, invece…  La migliore ipotesi è che la crescita sarà ancora lenta per molto tempo, con l’occupazione che migliorerà solo gradualmente.

Cosa pensa che ci voglia per farci sentire meglio? Uno stato d’animo migliore potrebbe contribuire a dare una spinta alla crescita?

Certo, lo spirito aiuta, ma c’è un enorme sbalzo di debito, e una via d’uscita non è facile da scovare. Se si guarda alla storia, comprese le altre profonde crisi finanziarie che gli Stati Uniti hanno sperimentato – non solo la Grande Depressione, ma anche un paio prima – o, se si guarda alle esperienze di altri paesi alle prese con le crisi finanziarie, è difficile vedere che stiamo andando al galoppo, ma dobbiamo farlo presto, non importa quale sia la psicologia. Durante questo periodo, per il mantenimento della stabilità sociale – avendo persone che si sentono parte del sistema, che non siano private dei diritti civili e che abbiano speranza per il futuro – è, in realtà, molto importante. Al contrario, in politica abbiamo sperimentato contorcimenti selvaggi  che potrebbero essere molto destabilizzanti e metterci fuori strada.

Le recenti elezioni sono state probabilmente un bene per la stabilità, in quanto il presidente Obama incarna l’empatia verso i meno fortunati, e questo è un fatto molto popolare all’estero. Ma, d’altra parte, i repubblicani hanno vinto nettamente alla Camera, così la politica dovrà vivere di compromessi. Entrambe le parti hanno bisogno di lavorare insieme per trovare il modo per tirarci fuori da questa crisi il piu’ velocemente possibile.

Un accordo a Washington, tra democratici e repubblicani, è possibile?

Ci sono chiaramente trattative in corso, ma le visioni sono differenti.  Il tetto del debito potrebbe diventare un’arma nucleare ogni volta che l’amministrazione e il Congresso sono divisi. Questa è una battaglia non solo sulla politica, ma su come il potere è diviso tra i rami del governo.

Qual’è la soluzione?

Purtroppo credo che non ci sia, una soluzione. Un giorno, se non oggi tra qualche mese, il Presidente potrebbe dire, “OK, allora non firmate il disegno di legge, non votate a favore di questa proposta di legge, ostinatevi ad opporre resistenza e vedremo come reagirà il paese”. Naturalmente, questo è un gioco molto pericoloso, perché poi il l’opinione pubblica potrebbe ritenere il presidente responsabile, anche se il presidente si sente innocente.

Quali sono le sue idee in merito alla riforma fiscale?

Ebbene, il presidente ha approvato la Simpson-Bowles [la commissione bipartisan che raccomanda tagli alla spesa e maggiori tasse per tagliare il debito della nazione] e Mitt Romney si è omologato. In questo momento, questo è il miglior piano sul tavolo. Si può migliorare, certo, ma l’idea di base di ridurre drasticamente deduzioni e poi cercando di mantenere basse le aliquote fiscali marginali è un’idea molto migliore rispetto a quella aumentare le aliquote fiscali marginali per mantenere la crescita.

Mi piacerebbe vedere una flat tax al consumo con una franchigia molto elevata, in modo da non pagare le tasse fino ad un certo livello. Vorrei davvero piegare in tutte le imposte che, anche Medicare, la sicurezza sociale, ecc, e sono solo un semplice sistema fiscale. Questa idea è stata espressa da un certo numero di economisti,  Steve Forbes fece campagna nel 1990. Se non si dispone di un sistema semplice, è troppo facile prendersene gioco.

Cosa succederà veramente?

Non lo so. La Simpson-Bowles è stata presentata come ai limiti del compromesso politico. Possiamo sperare. E ‘ tutto altamente imprevedibile, ma posso affermare con certezza che c’è la possibilità che i leader mireranno ad una soluzione temporanea e non al raggiungimento di un accordo per un cambiamentoradicale.

Pensi che il presidente possa effettivamente creare posti di lavoro senza un pacchetto di stimolo?

Naturalmente, è possibile. Andando avanti, se si vuole cercare di pensare ad una vera riforma strutturale che porterà ad una crescita organica, anche alla luce dei venti contrari provenienti dall’introduzione di tasse significative per finanziare la nuova iniziativa per la salute, l’Obamacare. Semplificazione e riforma fiscale sarebbero davvero l’ideale. Ovvio, la politica economica da sola non basta. Mi piacerebbe vedere un programma di infrastrutture e uno sguardo serio all’istruzione, che ha bisogno di una drastica riforma, e non mi riferisco solo a maggiori finanziamenti.

Like this Article? Share it!

About The Author

Leave A Response

You must be logged in to post a comment.